Planeta Passito di Noto

Planeta Passito di Noto

Planeta Passito di NotoPlaneta Passito di Noto

Il Passito Planeta è espressione del nostro impegno a produrre vini che riflettono il carattere unico del nostro territorio. Un vino antichissimo che diventa attuale con un moderno sistema di appassimento. Profumi esplosivi di frutta esotica, di gelsomino, di agrumi canditi, è al tempo stesso complesso ma facile da amare.

Vinificazione: Le uve vengono vendemmiate, ben mature, nella seconda metà di agosto e poste in casse da 5 kg. Le casse per 45 giorni circa in ambiente ventilato a 23° C. Quando hanno perso circa la metà del loro peso, le uve vengono pigiate ed il mosto così ottenuto; particolarmente ricco di zuccheri, fermenta lentamente per più di un mese in vasche d’acciaio. Nel mese di giugno il vino va in bottiglia, preservandone il ricchissimo profilo aromatico.

Capacità di invecchiamento: Lunga, come tutti i vini dolci. Il tempo lavora per lui.

Naso: Denso di albicocche disidratate, mango, buccia di arancia, nespole, datteri, crema di pistacchi e vaniglia. Marmellate di agrumi. L’aspetto fruttato è fuso con aromi di Darjeeling tea, fiori di mimosa e zagara, zenzero, sesamo. Un insieme che ricorda tutto il profumo della pasticceria siciliana.

Palato: La struttura è vigorosa e scorrevole per tannini freschi e compatti. Sempre importante, nel dna del nero d’Avola, l’acidità.

Planeta Passito di Noto. Si sposa con secondi di carne ed il pesce in agrodolce. Lo consigliamo anche in abbinamento alla cucina etnica.

Cucina di casa Planeta: Couscous di carne; timballo rosso alle erbe selvatiche. Agnello al sugo con purea di patate.

Cucina siciliana: Capretto, lombo di maiale arrosto nel latte, pasta con la glassa. Grigliata di pesce azzurro.

Cucina de La Foresteria: Tagliata di vitello con ortaggi alla griglia e vinegrette di acciughe; senape e limone, filetto di manzo cotto nel Nero d’Avola pistacchio e salsa al Santa Cecilia.

Visualizzazione del risultato

Non ci sono prodotti nel carrello