Mille e una Notte Donnafugata

Mille e una Notte Donnafugata

Mille e una Notte DonnafugataMille e una Notte Donnafugata DOP

Il vino Mille e una Notte conferma sempre la sua complessità ed eleganza; caratteristiche distintive di questo vino importante, portabandiera dei rossi di Donnafugata.

Mille e una Notte Donnafugata DOP

Cantina: Donnafugata

Zona: Sicilia

Uve: Nero d’Avola ed altre varietà

Vigneto

Allevamento e potatura: controspalliera, con pali in legno e fili in acciaio; potatura a cordone speronato, lasciando da 6 a 8 gemme per ogni pianta.

Densità impianto: da 4.500 a 6.000 piante per ettaro. Rese per ettaro: circa 40 q.li/ha.

Cantina

Fermentazione: in acciaio con macerazione sulle bucce per circa 12 giorni alla temperatura di 26-30°C.

Affinamento: in barriques di rovere francese prevalentemente nuove; per un periodo di 15-16 mesi, e successivamente in bottiglia per circa 30 mesi.

Dati analitici: alcol 13.35 % vol. – acidità totale 6.2 g/l – pH: 3.58.

Mille e una Notte Donnafugata DOP.

Longevità: oltre 12 anni.

Di colore rosso rubino, al naso offre un bouquet avvolgente.

Vivere il vino

Cibo & vino: con piatti elaborati di carni rosse, maiale, agnello. Da provare anche su piatti saporiti di pesce. Servirlo in ampi calici, può essere stappato un paio di ore prima. Ottimo a 18°C.

Situazioni: protagonista di una cena elegante e dei vostri momenti più speciali ed importanti.

Arte e vino: Il palazzo illustrato sull’etichetta è quello dove si rifugiò la regina Maria Carolina; in fuga da Napoli e fu la casa preferita dello scrittore Tomasi di Lampedusa a Santa Margherita Belice. Gabriella Anca Rallo – fondatrice di Donnafugata insieme al marito Giacomo – ne cattura l’immagine; e la incastona in un cielo da “Mille e una Notte” pieno di stelle e ricco di promesse. Il carattere forte e passionale ha ispirato ill mâitre chocolatier Ernst Knam; nella creazione della praline al “Mille e una Notte e peperoncino”.
Prima annata: 1995.

Visualizzazione di tutti i 2 risultati

Non ci sono prodotti nel carrello